Capodanno 2004

vanda_2004(foto di Franco)

 

Annunci

Alle Cinque Terre e Otranto

vanda003
vanda002

Vanda alle Cinque terre e vicino a Otranto. Pur avendo avuto una grande maestra è evidente l’imperizia di Daniele alla quale non è rimedio sufficiente l’affetto che ha accompagnato l’esecuzione. Usando lo zoom qualcosa di più si vede. Si propongono perché a noi ricordano momenti particolarmente felici e perché a differenza delle foto, che altri hanno, sono uniche.

Quella delle Cinque terre ricorda le lunghe camminate, su percorsi anche aspri, il riposo dopo il pranzo, che non mancava. Solo Daniele insonne disegnava solitamente paesaggi. Con lo zoom si coglie meglio in alto Franco, un po’ meglio definito, sotto Vanda e sotto, appena abbozzata, Rossana. Franco e quindi pure Daniele e Rossana compiono  cinquantanni, un’età favolosa. Da allora ripeteremo, lo facciamo ancora, a g’ò po’ zinquantàn a giustificazione di ogni comodità, piacere, riposo, sfizio. Fu un motto allora di Franco. Il Capitano.  Vanda ci ricordò, come sempre faceva, di essere di noi la più vecchia, di anni solamente come tutti sappiamo, per ogni altro aspetto è stata, è, di gran lunga la più giovane.

L’otrantina ricorda l’arcuarsi del suo corpo flessibile e curato mentre prende il sole.

(disegni di Daniele)

A Barcellona

vanda010A Barcellona Vanda con Helèna, figlia di Ramòn. Così Chiara, che era con noi, vorrà chiamare sua figlia, nostra nipote. Per un po’ l’abbiamo  chiamata così. Ora, come, tutti la chiamiamo Elena.
(foto di Daniele e Rossana)

A cena tra amici

vanda008

In questa foto documentate due, tra le fortunatamente numerose e liete, occasioni conviviali. L’una è a casa nostra e l’altra in un incontro cultural-culinario in una bella villa veneta. Piace l’aria festosa di Vanda, mentre Daniele sta per alzarsi e conquistare l’alloro di poeta della serata greca, attribuito dalla Direttrice del museo di Adria (l’anno successivo lo conquisterà Franco).
(foto di Daniele e Rossana)

Agropoli

vanda007
Questa serie di foto sono della nostra permanenza ad Agropoli grazie alla straordinaria ospitalità di Beniamino. Silvia è nella pancia di Vanda, che spesso fa il bagno con Chiara, bimba impavida in acqua e fuori. A noi ricorda anche un tempo precedente. Ancora Chiara non camminava e nella nostra casa in via Camaleonte c’era una scala diritta, stretta e ripida da piano terra al primo piano. Vanda è ruzzolata dalla cima al fondo con Chiara in braccio. Si è tutta ammaccata, contro gradini e pareti, ma ha protetto Chiara perfettamente illesa. (foto di Daniele e Rossana)

vanda009

Basta tacere

tacereUna raccolta di testimonianze sul reparto di maternità dell’ospedale S. Anna di Ferrara.
Pubblicazione dei primi anni ’70 a cura del Movimento di Lotta Femminista di Ferrara di cui Vanda faceva parte.

Spagna 1976

Da cortile a giardino

Era un anonimo cortile, Vanda con l’aiuto di Franco e dei vicini l’ha trasformato in un giardino.
(foto di Roberto e Lilia)

Vanda e Franco

Vanda_Franco_1970

Sala Estense – Ferrara, entrambi con la sigaretta accesa.
Lui con cartella in mano e sciarpa rossa d’ordinanza. Lei scanzonata, con la lingua di fuori a mo’ di pernacchia.
(foto di Marco)

Autocoscienza

gruppo_spagna01

Spagna 1976. Sette amiche in vacanza: Ruy, Anna, Gabriella, Vanda, Brunella, Mary Ellen (nella foto manca Patrizia).
Vanda, Gabriella, Brunella e Mary facevano parte dello stesso gruppo di autocoscienza, nella pagina autocoscienza
c’è il testo della ricerca che insieme hanno scritto alla fine anni ’70.